Reggio Calabria, il PCI aderisce al sit-in di protesta a difesa dell’aeroporto “Tito Minniti”

ev da-sin-francesco-nucara-maurizio-ballistreri-michelangelo-tripodi-e-luca-cangemi pci
Autore:

ev da-sin-francesco-nucara-maurizio-ballistreri-michelangelo-tripodi-e-luca-cangemi pci

La Federazione reggina del Partito Comunista Italiano aderisce e partecipa con piena convinzione al sit-in di protesta a difesa dell’aeroporto “Tito Minniti” organizzato dall’encomiabile Comitato Pro Aeroporto che si terrà sabato 14 gennaio alle ore 10.30 a piazza Italia.

Si tratta di una partecipazione doverosa poiché è ormai sotto gli occhi di tutti il disegno del PD e del governo Gentiloni, in vergognosa combutta con il presidente della regione Oliverio e il sindaco Falcomatà, che punta sic et simpliciter alla chiusura dello scalo reggino.

L’assordante e connivente silenzio di Oliverio e Falcomatà, al di là di un inutile comunicato di circostanza, lascia poco spazio per credere alla buona fede dei due soggetti.

Proprio Falcomatà merita una menzione speciale: è il primo caso al mondo di un sindaco che avalla un disegno che punta a massacrare la città della quale è il primo cittadino.

E’ indispensabile che i reggini comprendano l’altissimo rischio che la città sta correndo; la chiusura dell’aeroporto provocherà inevitabilmente il definitivo isolamento di un vasto territorio con le tragiche conseguenze economico-sociali che ne deriveranno.

Pertanto, come abbiamo già affermato, la tanto declamata Città metropolitana sarebbe, con la chiusura dello scalo aeroportuale, una scatola vuota e inutile.

Ricordiamo che il primo a dichiarare pubblicamente la necessità di chiudere l’aeroporto di Reggio fu, senza alcun rossore, il deputato cosentino del PD, nonché braccio destro di Renzi, Ernesto Carbone, il quale non fece mistero del disegno finalizzato a troncare l’attività del “Tito Minniti” con la insultante motivazione secondo la quale l’aeroporto rappresenterebbe un lusso sfrenato per la nostra città.

Insomma, sono chiari a tutti i reggini i mandanti e gli esecutori, tutti del PD, dell’annientamento dello scalo.

Pertanto, l’imminente sit-in di protesta organizzato dal Comitato Pro Aeroporto, che segue le manifestazioni organizzate nei mesi scorsi, dovrà rappresentare una forte risposta univoca e unitaria di tutti coloro i quali hanno realmente a cuore le sorti della città e, quindi, intendono lottare senza fare sconti a nessuno per salvare l’aeroporto dello stretto.

Per questi motivi il PCI parteciperà alla meritoria manifestazione di sabato 14 gennaio.

Reggio Calabria, 11 gennaio 2017

La Federazione reggina del PCI

Salva

share . . .